Bas Card 9 “Stimolare l’attenzione – Spazzare l’aula-“

/Bas Card 9 “Stimolare l’attenzione – Spazzare l’aula-“
Bas Card 9 “Stimolare l’attenzione – Spazzare l’aula-“ 2018-02-27T16:57:38+00:00

Il metodo Bas ti dice come funziona: Spazzare l’aula

Una qualità dei docenti che tiene “svegli” gli alunni è quella cosiddetta di “spazzare l’aula con lo sguardo”. Infatti, essa consiste nel monitorare visivamente tutta la zona dell’aula dove sono presenti gli studenti. Se ad esempio l’educante spiega una lezione davanti alla cattedra, con gli alunni di fronte, deve tendere a coprire gradualmente e costantemente con il suo campo visivo un’angolo di 180°.  Il docente così facendo oltre ad avere  sempre la consapevolezza di ciò che sta succedendo in classe, invia agli studenti il messaggio  (se lo sguardo è praticato in un certo modo) “ci tengo a voi, per me siete importanti”, questo comporta un rafforzamento del rapport, della stima, della fiducia e muove l’autostima di questi piccoli e preziosi esseri umani. In comunicazione questa qualità viene denominata “metaprogramma del collegamento all’esterno”.(nota per il lettore)

IL METODO BAS TI INFORMA SU COME SI FA


Leggi altre CARD (BAS® in pillole)

(Nota per il lettore)

I metaprogrammi sono dei programmi mentali (modi di pesare ripetitivi) che influenzano le nostre routine quotidiane, come ragioniamo e ci comportiamo. ll primo a parlarne fu Carl Gustav Jung nel suo libro ‘Tipi psicologici’ (1921). I metaprogrammi sono dei filtri mentali che a volte ci fanno interpretare la realtà in modo distorto. Sono come degli occhiali colorati. Se metti degli occhiali rossi, vedrai la realtà rossa, se metti quelli gialli, vedrai il tuo mondo giallo, se indossi quelli verdi, quello che vedrai sarà tutto verde. Altri studiosi hanno poi riscontrato che ci sono “metaprogrammi di fallimento” e “metaprogrammi di riuscita”. Ad esempio “collegamento all’interno” è definito di fallimento poiché la persona è spessa immersa nei suoi pensieri e pur avendo gli occhi aperti non si rende conto di ciò che succede fuori di sé. Mentre il metaprogramma “collegamento all’esterno” è considerato di riuscita in quanto la persona riesce a vedere, ascoltare e percepire bene quello che succede fuori di sé e così può rispondere più prontamente a quello che accade.