Counseling

/Counseling
Counseling 2017-10-03T19:07:44+00:00

Cos’è il Counseling ?

In senso tradizionale, “il counseling è un processo di interazione fra due persone – il counselor e il cliente – il cui scopo è quello di “abilitare” il cliente a prendere una decisione riguardo a scelte di carattere personale (ad esempio come scegliere un lavoro o un corso di studi) o a problemi o difficoltà speciali che lo riguardano direttamente” (Brunett, 1977).

 

In senso più generale, il counseling o relazione di aiuto oggi viene definita una professione, nella quale il COUNSELOR, esperto nella relazione, svolge colloqui con singole persone o coppie o gruppi per:

… SOSTEGNO a chi attraversa difficoltà personali, sociali, di salute e altro …
… POTENZIAMENTO PERSONALE a chi vuole migliorarsi o migliorare alcuni aspetti della propria vita PERSONALE O SOCIALE o performance intellettive e fisiche (atleti, dirigenti, manager…).

 

Chi è il Counselor ?

È un professionista altamente qualificato nella Relazione d’Aiuto, che ha seguito un corso di studi almeno triennale ed è in possesso di un diploma rilasciato da specifiche scuole di formazione di differenti orientamenti teorici.

 

“Il compito del counselor è quello di favorire lo sviluppo e l’utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare quei problemi di personalità che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno. Il superamento del problema, la vera trasformazione, comunque, spetta solamente al cliente: il counselor può solo guidarlo, con empatia e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso” – tratto da “L’arte del Counseling” di Rollo May.

MA PER SAPERNE DI PIU’ VI PROPONIAMO UNA PICCOLA GUIDA

Il Counselor si rivolge a:

– chi desidera supporto e orientamento pratico per risolvere rapidamente problemi specifici e concretizzare i propri progetti personali e professionali;

– chi, a seguito di tensioni familiari, lavorative o scolastiche vuole SOSTEGNO;

– chi, per un periodo limitato, ha bisogno di recuperare il proprio equilibrio personale;

– chi vive situazioni di rabbia, di malattia, dolore o tristezza e desidera ASCOLTO nell’elaborare emozioni e conflitti interiori;

– tutti coloro insomma che sperimentano problemi nei diversi contesti e fasi della vita e vogliono superarli, agendo sul rafforzamento delle proprie risorse personali, per ritrovare rapidamente uno stato di benessere.

 

Il Counseling a cosa serve ?

Serve a definire i bisogni e i desideri, individuare le risorse, gestire i momenti di difficoltà, accrescere la consapevolezza; comprendere i propri percorsi; scoprire la capacità di scegliere e cambiare e apprendere come ascoltarsi ed ascoltare, quindi comunicare meglio.

Come si fa ?

Sperimentare il counseling significa vivere una relazione centrata sul rispetto e sul valore. L’impegno del counselor è ascoltare e comprendere senza giudicare, aiutare a definire gli obiettivi e supportare nel raggiungerli. Non è una terapia e non prevede una ristrutturazione profonda della personalità. E’ possibile fare incontri individuali, in coppia e in gruppo; si viene sempre informati sui metodi utilizzati per il raggiungimento dei propri obiettivi. Le informazioni personali e i contenuti che emergono negli incontri sono riservati.

Quando è utile ?

E’ utile nei momenti di difficoltà, in famiglia, sul lavoro e nelle relazioni affettive, nell’affrontare piccole e grandi scelte, nel superare traumi, affrontare problemi di salute ed eventi stressanti. E’ un supporto per migliorare la propria capacità di espressione e diventa valido quando emerge l’esigenza di parlare delle proprie esperienze con una persona attenta e disponibile o quando c’è il bisogno di uno spazio protetto e di un tempo dedicato a se stessi.

Inoltre, il Counseling è utile anche in assenza di problemi, quando un soggetto vuole solo migliorare le sue potenzialità in un settore personale o sociale.
Presso il nostro centro si attuano interventi  di decodifica biologica delle malattie, un nuovo approccio alla tematica che afferma che tutti (o la maggior parte) dei disturbi fisici o psichici hanno una natura mentale di tipo conflittuale, per cui le persone affette da tali problematiche dovrebbero affiancare alle cure mediche o psichiche tradizionali o della nuova medicina (omeopatia, fitoterapia, osteopatia….) un programma di RISOLUZIONE DI CONFLITTI .

Quindi in questo caso vale il motto “non puoi prenderti cura solo del corpo altrimenti la mente ti lascia a piedi”.

 

Cosa fa il counseling?

SOSTEGNO affinché la persona stia meglio con se stesso e con gli altri.

Capita a tutti di attraversare periodi in cui sembra di aver perso la direzione, nei quali non si vedono soluzioni ai propri problemi, non si riesce a superare il passato, o a realizzare il proprio futuro. In queste situazioni ci si sente depressi, disorientati, confusi ,demotivati e soprattutto soli! Molto spesso si tratta solo di cambiare la propria prospettiva, il modo in cui si affronta “il problema” e di sviluppare risorse nuove.


POTENZIAMENTO

Il counseling è anche una forma di potenziamento indicata per chi non ha nessun tipo di problema ma vuole conoscersi a fondo per migliorarsi. E’ un’esperienza per “imparare ad accrescere potenzialità in qualsiasi ambito personale, relazionale, sociale, lavorativo ed altro”.

 

Cosa NON FA un counselor?

Spesso si associa  il Counseling alla PSICOTERAPIA o AL COLLOQUIO PSICOLOGICO… NO!

Il COUNSELING E’ RELAZIONE DI AIUTO O POTENZIAMENTO PERSONALE, infatti il Counselor non fa terapia, ma relazione d’aiuto; non fa cioè il lavoro di uno psicologo o uno psicoterapeuta che intervengono su patologie e ristrutturazioni profonde, infatti, egli non cura ma si prende cura della persona.

Il COUNSELOR non da consigli o soluzioni e sostiene il cliente nel trovare le sue personali soluzioni, a superare situazioni di difficoltà o semplicemente ad accrescere potenzialità.