Mediazione Civile e Commerciale

/Mediazione Civile e Commerciale
Mediazione Civile e Commerciale 2016-01-05T18:52:59+00:00

La mediazione civile e commerciale è uno strumento molto utile messo a disposizione dalla normativa vigente per risolvere facilmente e in tempi molto rapidi le dispute legali che, se affrontate seguendo l’iter tradizionale, sarebbero più faraginose e più lunghe. Infatti, le questioni riguardanti ad esempio la divisione di eredità, le liti condominiali, le controversi bancarie o con altri istituti sia di natura privata che pubblica, grazie alla mediazione possono essere risolte in tempi brevi e con costi moto esigui. La mediazione, introdotta con il d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28 e s.m., è un sistema di risoluzione delle controversie relative a diritti disponibili alternativo al processo civile. La disciplina secondaria di attuazione è stata dettata con il d.m. Giustizia 4 marzo 2010, n. 180 e s.m. Non può essere utilizzato, dunque, per le liti aventi ad oggetto situazioni giuridiche o materie devolute alla giurisdizione amministrativa, o alle altre giurisdizioni speciali.

Viene definita dal legislatore come «l’attivita’, comunque denominata, svolta  da  un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o piu’ soggetti nella ricerca  di  un  accordo  amichevole  per  la  composizione  di   una controversia,  anche  con  formulazione  di  una  proposta   per   la risoluzione della stessa (art. 1, lett. a, d.lgs. n. 28/2010). Ha una durata di legge non superiore a tre mesi (art. 6). Si differenzia dall’arbitrato perché il mediatore non rende decisioni vincolanti ma assiste le parti nella ricerca di un accordo conciliativo (art. 1). Per questo motivo l’accordo raggiunto è riferibile alle parti al pari del negozio transattivo, ma è suscettibile di acquistare efficacia esecutiva e di costituire titolo per l’iscrizione di ipoteca giudiziale (art.12). Infatti, ove tutte le parti aderenti alla mediazione siano assistite da un avvocato, l’accordo che sia stato sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, l’esecuzione per consegna o rilascio, l’esecuzione degli obblighi di fare e non fare, nonché per l’iscrizione dell’ipoteca giudiziale.

Gli avvocati attestano e certificano la conformità dell’accordo alle norme imperative  e all’ordine pubblico. In tutti gli altri casi l’accordo allegato al verbale può essere omologato, su istanza di parte, con decreto del presidente del tribunale, previo accertamento della regolarità formale e del rispetto delle norme imperative e dell’ordine pubblico.

Nelle controversie transfrontaliere di cui all’art. 2 della direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio 2008, il verbale è omologato dal presidente del tribunale nel cui circondario l’accordo deve avere esecuzione.

Per maggiori informazioni visitare il sito GIURIMED